Il Sabato della Fotografia si chiude con la presentazione de La madre attesa di Irene Alison, sabato 18 in Sala Assoli

Sabato 18 maggio ore 11.30, ultimo appuntamento della stagione 2023-24 con Il Sabato della Fotografia, format di successo dedicato al linguaggio fotografico, condotto da Pino Miraglia in Sala Assoli per otto straordinarie edizioni.

La rassegna, quest’anno, si chiude con la presentazione de La madre attesa (Postcart editore) di Irene Alison che, introdotta da Miraglia, racconterà la nascita del suo libro fotografico. Un lavoro che parla di una particolare crisi post partum, quella vissuta da una madre adottiva che non ha potuto dare la colpa al calo ormonale ma solo al suo senso di inadeguatezza. Il romanzo per immagini documenta il viaggio che da Bogotà ha condotto, nella sua nuova casa romana, la piccola Lina Isabel, ma anche quello della Alison – giornalista professionista e photo-consultant, napoletana classe 1977 – che nel 2019 ha adottato Isabel, scoprendo un’altra parte di sé. Un cammino in cui la fotografia le è stata accanto come lingua dell’inesprimibile, regalandole le parole quando sembravano mancarle. Ingresso libero fino a esaurimento posti. Per 𝗶𝗻𝗳𝗼: +39 345 2204383 e + 39 345 4679142, anche whatsapp (feriali 10-13 e 16-19), info@casadelcontemporaneo.itwww.salaassoli.it

«Il 23 ottobre del 2019 ho incontrato per la prima volta mia figlia – scrive Irene Alison. Aveva cinque anni, un vestito di poliestere rosa e i capelli che sembravano cuciti alla testa in un milione di piccole trecce. Come madre, sono nata tra le mura di un ufficio di una palazzina bassa di Bogotá, Colombia, addobbata per l’occasione con i palloncini che, qualche minuto prima, io e mio marito ci eravamo affrettati a gonfiare, col fiato corto e la gola secca per l’emozione. Dopo un percorso di tre anni e mezzo per gli impervi sentieri dell’adozione, finalmente era arrivato il nostro momento: l’incontro con la bambina tanto attesa. Ma quello che pensavo essere un approdo, si è rivelato essere un punto di partenza. Indipendentemente dall’appartenenza genetica, quello tra una madre e un* figli* può non essere un amore a prima vista. Avere un* figli* – persino se desiderat* e conquistat* con la determinazione che l’adozione richiede – non significa diventare madre. Questa scoperta, dopo tanta fatica per arrivare a incontrarsi, mi ha fatto sentire svuotata, inadeguata, arrabbiata, colpevole».

Con queste parole Irene Alison apre il suo libro, ma anche un dibattito. Sulla difficoltà di diventare madre, di perdere la propria indipendenza per dedicarsi completamente ad un’altra persona. Ma soprattutto sul percorso di costruzione di una nuova identità, quella di madre, percorso non sempre facile e privo di ostacoli. La stanchezza, il senso di inadeguatezza, la paura di non essere in grado di portare a compimento ogni giorno il compito di essere mamma, si scontrano con le emozioni più forti, con l’amore che solo un legame come quello tra mamma e figlia può creare. In questa altalena di emozioni e sensazioni si interroga l’autrice, raccontando al lettore, attraverso una selezione di immagini scelte tra le centinaia che ha scattato in questi anni, il suo nuovo, lungo e bellissimo viaggio, in cui non si smette mai di imparare.

Irene Alison

Giornalista professionista e photo-consultant, Irene Alison è nata a Napoli nel 1977. Direttrice creativa dello studio di consulenza e progettazione fotografica DER*LAB, Irene è docente all’Istituto Europeo del Design (IED) di Roma e collabora come tutor e consulente con alcune delle maggiori scuole di fotografia italiane (Isfci, Rufa, Scuola Romana di Fotografia a Roma e Fondazione Studio Marangoni a Firenze, tra le altre). Come redattrice, ha lavorato per il Manifesto e per D, La Repubblica delle Donne. Da freelance ha realizzato, insieme ai fotografi, reportage apparsi su Geo France, The Independent, l’Espresso, D, XL, Marie Claire e Riders. I suoi articoli di critica fotografica sono stati pubblicati da testate come La Lettura de Il Corriere della Sera, Il Sole 24 ore e Pagina99. Ha pubblicato due saggi di approfondimento fotografico, My generation (Postcart, 2012) e iRevolution (Postcart, 2014). Nel 2022 è uscito negli Stati Uniti per Yoffy Press Holding Time, libro realizzato a quattro mani con la fotografa Catherine Panebianco, di cui Irene è autrice dei testi. Attualmente è curatrice del ciclo espositivo SuperNatural al Rifugio Digitale di Firenze, galleria del Gruppo Archea dedicata alla fotografia contemporanea. Nel 2023 è prevista l’uscita per Postcart del suo primo libro fotografico (La Madre Attesa, a cura di Laia Abril) e del suo nuovo saggio Muse col Muso, l’immaginario animale nella fotografia contemporanea. Ama gli animali, e le loro rappresentazioni culturali e iconografiche, e ne parla nel suo blog Zazie Dogzine.