Procida 2022, il via con Mattarella.

245
Villaggio turistico camping Golden Beach a Paestum nel Cilento direttamente sulla spiaggia

Il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, visita Procida, capitale della cultura.  Ad attendere il Capo dello Stato alcuni bambini delle scuole primarie.

Una signora del posto gli ha offerto una limonata, il caratteristico dolce del posto, “la lingua di Procida”.

Ci sarà anche un ragazzo ucraino, Glib, tra gli studenti che oggi incontreranno il presidente della Repubblica.

Mattarella  incontrerà una piccola delegazione degli studenti dell’istituto comprensivo Capraro e dell’istituto tecnico Caracciolo-Da Procida Glib fa parte della comunità ucraina che risiede stabilmente sull’isola.

“Sì, la cultura è motore di crescita. E’ spinta all’apertura, moltiplicatore di energie civili”. Lo afferma il presidente Sergio Mattarella parlando in occasione della cerimonia per l’Isola Capitale della Cultura. “È occasione di confronto, rispetto dell’altrui diversità. E’ ricerca di innovazione. La cultura attrae turismo. E rende questo turismo più maturo, più capace di conoscere e apprezzare e non solo di guardare distrattamente. “La cultura non isola” è il motto che avete scelto. Questa scelta fa comprendere che Procida ha accettato la sfida”.

La cultura è anche sinonimo di pace. La sua autenticità sta proprio nella capacità di promuovere curiosità che diventa comprensione, amicizia, convivenza, cooperazione”. Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo alla cerimonia di inaugurazione di Procida Capitale 2022. Cosi’ da Procida il Capo dello Stato Sergio Mattarella.

“La cultura – ha aggiunto il Capo dello Stato – respinge la pretesa di chi vuole trascinarla nel vortice della guerra. Ribadisce, al contrario, la sua limpida vocazione al dialogo e alla pace”.

Viviamo giorni terribili. Siamo travolti da immagini che pensavamo aver consegnato per sempre all’archivio degli orrori non ripetibili nel nostro continente. Invece altro sangue innocente, altre vite spezzate, altri crimini spietati stanno nuovamente popolando gli abissi della disumanità”.

Lo ha detto il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella intervenendo alla cerimonia che dà il via a Procida Capitale della Cultura 2022. “L’aggressione compiuta contro l’Ucraina, contro la libertà e la stessa vita dei suoi cittadini, da parte del governo della Federazione Russa, costituisce una ferita che colpisce la coscienza di ciascuno e la responsabilità degli Stati. Anche l’energia della cultura deve soccorrerci per fermare la guerra. Costruire la pace è un impegno che richiama i valori più profondi, a partire dal diritto di ciascuno a vivere in libertà, a scegliere il proprio destino”. Così il Capo dello Stato Sergio Mattarella a Procida per l’inaugurazione di Procida Capitale italiana della cultura.(ANSA)

Advertisements