Partito a Capri il G7 dei Ministri degli Esteri presieduto da Tajani

Al via oggi a Capri la tre giorni (17-19 aprile) che vedrà riuniti i Ministri degli Esteri del G7 sotto la Presidenza del Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, On. Antonio Tajani.

“In uno scenario internazionale caratterizzato da fortissime tensioni, il G7 a guida italiana ha il compito di lavorare per la pace” ha commentato Tajani, aggiungendo che “il Governo è impegnato in uno sforzo a tutto tondo per raggiungere questo obiettivo e siamo certi che la riunione di Capri darà un importante contributo”.

L’agenda dei lavori sarà incentrata sui principali temi al centro del dibattito internazionale, a partire dalla situazione in Medio Oriente, con un’attenzione particolare sugli ultimi sviluppi seguiti all’attacco iraniano a Israele, su Gaza e sulla crisi nel Mar Rosso.

I Ministri avranno inoltre modo di confrontarsi sulla risposta all’aggressione russa all’Ucraina. Per discuterne, il Ministro Tajani ha invitato a Capri il Ministro degli Esteri ucraino, Dmytro Kuleba, e il Segretario Generale della NATO, Jens Stoltenberg.

In linea con la forte attenzione del Governo nei confronti dell’Africa, vi sarà una sessione alla quale parteciperà anche il Ministro degli Esteri della Mauritania, Mohamed Salem Ould Merzoug, in quanto Presidenza dell’Unione Africana. Tale sessione avrà come focus principale il rafforzamento del partenariato del G7 con il Continente.

I Ministri del G7 discuteranno anche della stabilità dell’Indo-Pacifico, regione prioritaria per gli equilibri politici e per il commercio mondiale, e dei grandi temi globali come la connettività infrastrutturale, la sicurezza cibernetica, l’Intelligenza Artificiale e la lotta alla disinformazione.

Venerdì 19 aprile, al termine dei lavori, si terrà la conferenza stampa conclusiva del Vicepresidente Tajani.