Continua a tenere banco la vicenda di Nuova Cucina Organizzata.

0
143
compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

Si chiama soft power un particolare ed ineffabile esercizio del potere. Quello di chi riesce a determinare gli eventi in modo coercitivo usando mezzi intangibili, come i valori, la cultura, l′informazione.

Noi non vogliamo credere che le mafie siano arrivate a questo livello di raffinatezza. Mettere in atto strategie di soft power è infatti molto più difficile che usare la violenza brutale.

Non a caso questa locuzione è stata coniata nella teoria delle relazioni internazionali per descrivere programmi complessi portati avanti dai governi di superpotenze come gli Stati Uniti e la Cina, i quali, grazie a think tank, servizi di intelligence, sistemi informativi e apparati senza uguali per capacità di influenza, hanno elaborato una nuova modalità di dominio e di sopraffazione che non dispiace alle opinioni pubbliche. Perché, semplicemente, non si vede. E quindi non provoca reazioni da chi ne è danneggiato.

Il dubbio però ci è venuto quando abbiamo appreso che il ristorante Nco di Casal di Principe, gestito dalla Cooperativa sociale Agropoli, dovrà chiudere forzatamente i battenti il prossimo 7 gennaio.

Agropoli è un esempio nazionale di valorizzazione dei beni confiscati alle mafie. Nella villa-bunker confiscata a Mario Caterino ha realizzato un′attività economica (il ristorante), un′occasione unica di inserimento lavorativo (perché vi impiega persone socialmente fragili che non hanno la possibilità d′un altro recupero), un luogo di istruzione (il centro di avviamento professionale intitolato a don Lorenzo Milani), un servizio di cura (grazie ai piani terapeutici personalizzati assicurati dai budget di salute).

Ma soprattutto ne ha fatto un avamposto e un baluardo di legalità, una pietra d′angolo su cui fondare per un intero territorio la speranza di riscatto, un luogo di pensiero e di riappropriazione anche semantica di una tradizione di convivenza che rischia di andare perduta anche a causa del distorto uso delle parole.

«Casalese – ci hanno spiegato i soci della cooperativa fondata da Peppe Pagano e ora guidata da Antonio De Rosa – è don Peppe Diana non meno di Nunzio De Falco che ne ha ordinato l′omicidio. I Casalesi non sono gli appartenenti al clan Schiavone! Casalesi siamo noi perché siamo, fieramente, di Casal di Principe. Punto». Così la cooperativa ha sfidato l′omertà e la paura, non solo rintroducendo nel vocabolario i significati originari delle parole rubate dalla camorra ma cambiando il significato anche a quelle nate dentro la criminalità organizzata.

Nco, acronimo della Nuova camorra organizzata di Raffaele Cutolo, lo è diventato prima di Nuova cucina organizzata, cioè del ristorante, e poi di Nuova cooperazione organizzata, il consorzio che riunisce in un unico organismo altre sei cooperative casertane che hanno reso produttivi i beni confiscati a Sessa Aurunca, a Teano, ad Aversa, valorizzando le risorse naturali, culturali e sociali di una comunità che è stata impoverita dalla sopraffazione delle economie criminali. Sono i soci di queste cooperative ad aver ideato il Pacco alla camorra, che raccoglie i prodotti agricoli delle cooperative di inserimento lavorativo e che viene venduto in più di 7.000 esemplari ogni anno nel periodo natalizio.

Ora, dove non hanno potuto le minacce, le intimidazioni, i furti, i boicottaggi, gli incendi e i colpi di pistola, può la burocrazia. Nco, il ristorante, chiuderà per crediti. La cooperativa sociale Agropoli assiste da due anni ad un paradossale scaricabarile tra comuni, Asl e Regione Campania, col risultato che da due anni non viene pagata.

«Nessuno degli attori istituzionali coinvolti – dicono dalla cooperativa – ha la reale intenzione di risolvere la questione, anzi si sta conducendo il sistema dei budget di salute al suicidio». Nella speranza che il Presidente della Repubblica risponda all′appello lanciato da Nco, noi del Consorzio Parsifal esprimiamo la nostra solidarietà a tutti i soci della cooperativa.

Ancora una volta la cooperazione sana, e con essa un sistema che andrebbe esportato in tutta Italia e in Europa come quello dei budget di salute, è messa in pericolo nella sua stessa possibilità di sopravvivenza, non soltanto per colpa di inefficienza ed inettitudine amministrativa, ma grazie ad un sottile disegno volto a smantellare un sistema di riabilitazione degli individui e delle comunità che sta funzionando.

E che perciò dà fastidio e non piace a chi vuole che le cose restino così come sono.

Nuova Cucina Organizzata, famosa esperienza di inclusione attraverso la ristorazione nel casertano, gestita dalla cooperativa sociale Agropoli, che inserisce al lavoro persone disabili o in altre situazioni di fragilità, ha annunciato lo stop delle attività a partire da gennaio 2020.
Di seguito il commento di Confcooperative Federsolidarietà Campania, rappresentata dal presidente Giovanpaolo Gaudino.
Siamo preoccupati per il futuro dei servizi sociosanitari P.T.R.I. Il dibattito mediatico che riguarda il futuro di Nuova Cooperazione Organizzata è il dibattito sul futuro di tutta la cooperazione sociale che – nata o meno sui beni confiscati alla malavita – nelle sue attività coinvolge persone fragili, i cosiddetti svantaggiati, dando loro un’opportunità di vita. Queste esperienze si sostengono con i P.T.R.I. (Progetti terapeutico riabilitativi individuali), finanziati dalle ASL e dagli Ambiti territoriali attraverso i budget di salute. Le gravi distorsioni nella messa a sistema di questa risorsa economica per le nostre cooperative ci hanno spinto, già nel 2018, a cercare un’interlocuzione sul tema. Abbiamo proposto che – come già doveva avvenire – anche i P.T.R.I., da servizi sociosanitari quali sono, fossero inseriti tra quelli per cui le Asl effettuano le anticipazioni ai sensi del decreto della Giunta regionale della Campania n°282 del 2016. Inoltre, abbiamo proposto di strutturare una Cabina di regia regionale sui budget di salute, composta da rappresentati dell’Assessorato regionale alle Politiche sociali e del settore Sanità, degli Ambiti territoriali, delle Asl e del Terzo settore. Essa dovrà occuparsi di risistemare e rilanciare il meccanismo dei budget di salute, vegliando sulla loro destinazione e sulla loro gestione”.
L’impianto normativo regionale esiste, le prassi consolidate anche. Bisogna riordinare il sistema per evitare un appesantimento della spesa sanitaria, che invece, con il corretto utilizzo dei budget di salute, registrerebbe una conversione in investimento, con la possibilità di accompagnare persone svantaggiate verso un percorso di autonomia, sotto l’ala degli operatori della cooperazione sociale”.

Non è una proposta che risponde ad interessi particolari, ma allo sviluppo delle nostre comunità e tutti ci dobbiamo sentire chiamati in causa se davvero vogliamo che la Campania non sia più ultima per gli ultimi“.

Federsolidarietà Campania è la Federazione che in Confcooperative aggrega le cooperative sociali e le imprese sociali, tra cui la stessa Agropoli. Nel 2018 la Federazione ha presentato in Regione Campania un Documento nel quale si faceva il punto sui P.T.R.I. ed i budget di salute, rappresentando le criticità del sistema e le difficoltà in cui versavano le cooperative sociali che dei budget di salute vivono.

“La chiusura di ‘Nuova cucina organizzata’ è un chiaro e pericoloso messaggio di disinteresse delle istituzioni nei confronti di chi ha fatto della lotta alla camorra la sua ragione di vita”, è quanto dichiara in una nota Severino Nappi, Il Nostro Posto. “Si stanno moltiplicando gli appelli di sindacati, mondo dell’associazionismo e singoli cittadini affinchè il governatore De Luca intervenga, prima che sia troppo tardi, sbloccando i dovuti fondi. Ma lui è evidentemente impegnato a organizzare il suo Natale per occuparsi delle numerose famiglie costrette a vivere nella trappola delle 30 mensilità arretrate e della fine della loro attività lavorativa il 7 gennaio. Se non si ha cura di queste piccole e preziose realtà che donano alla nostra terra il volto migliore- incalza Nappi- la camorra continuerà a vincere. E’ ora di abbattere l’indifferenza delle istituzioni che solo con noi potranno riacquistare la dignità della responsabilità”.

“Il sistema di erogazione del fondo sociale regionale a beneficio delle cooperative che gestiscono i budget di salute, attraverso gli enti d’ambito, si è rivelato assolutamente fallimentare. Parliamo di strutture, come la Nco, che svolgono un’opera fondamentale di reinserimento lavorativo di pazienti con disabilità psichiche, le cui fonti di finanziamento passano per Comuni molti dei quali già fanno fatica a garantire i servizi essenziali. A fronte dei risultati straordinari ottenuti a favore di pazienti e soci delle cooperative, non è più possibile restare indifferenti a un grido d’allarme lanciato oramai da tre anni. La sopravvivenza di queste realtà va garantita in un unico modo, ovvero equiparandole ai Centri assistenziali accreditati che beneficiano, invece, delle anticipazioni economiche”. Così il consigliere regionale del Movimento 5 Stelle e segretario della Commissione anticamorra Vincenzo Viglione.

“Da troppo tempo– prosegue Viglione – assistiamo inermi alla fine silenziosa e senza clamori di cooperative sociali senza muovere un dito. Iniziative come “Un pacco alla camorra”, appena presentata in Consiglio regionale, rischiano di essere operazioni solo di facciata se non accompagnate da atti concreti. La chiusura annunciata del ristorante sociale Nuova Cucina Organizzata, realizzato in un bene confiscato alla camorra, ovemai dovesse concretizzarsi, non potrà che essere considerata una sconfitta per tutti. Va assolutamente evitata con assoluto buonsenso e una riorganizzazione del sistema di gestione ed erogazione, considerata la portata enorme del fine sociale in una terra martoriata come la nostra”.

funshopping.it è il marketplace dedicato ai piccoli commercianti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here