Vigilanza dell’ispettorato del lavoro nei pubblici esercizi. Scovati nel fine settimana 19 lavoratori al nero in 11 pubblici esercizi: uno ogni tre lavoratori occupati.

L’ispettorato territoriale del lavoro  di Napoli non è  andato in vacanza.

Gli ispettori del lavoro  hanno dato luogo nell’ultimo fine settimana ad una serrata operazione intesa alla verifica della regolarità del lavoro nei pubblici esercizi della provincia di Napoli.

Le operazioni si inseriscono nel quadro delle attività programmate sul Piano nazionale dall’Ispettorato Nazionale del lavoro finalizzate al contrasto senza tregua alla diffusione del  lavoro nero. Infatti il nuovo Direttore dell’Ispettorato Nazionale del lavoro, rappresentato dal magistrato dott. Bruno Giordano, esperto in materia di sicurezza sul lavoro, ha  rafforzato il corpo ispettivo nazionale con 2.000  imminenti nuove assunzioni di ispettori del lavoro e la  previsione della istituzione di una scuola nazionale di formazione per il personale ispettivo onde accrescerne sempre di più la qualificazione, al fine di far fronte ad un mercato del lavoro in cui le forme di elusione si rinnovano  sempre di più.

Tuttavia il lavoro del tutto sconosciuto alla pubblica amministrazione, in totale carenza previdenziale ed assicurativa, rimane una piaga che caratterizza la realtà economica del sud. Lavoratori privi di futuri diritti pensionistici, sprovvisti di ogni informazione e formazione in materia di sicurezza sul lavoro e di assicurazione in caso di infortunio, caratterizzano una consistente fetta delle maestranze presenti soprattutto nei pubblici esercizi.

Allarma, pertanto,     il quadro riscontrato nel napoletano nei pubblici esercizi, la cui ripartenza, dopo il fermo legato alla situazione epidemiologica, è avvenuta in un quadro di diffusa  irregolarità.

Durante l’ultimo fine settimana, nel corso della movida serale, sono stati sottoposti ad accertamenti dall’ ispettorato territoriale del lavoro, con il supporto del Nucleo carabinieri del lavoro dell’Ispettorato e di Gazzelle del Comando territoriale dell’Arma dei Carabinieri, Bar, Ristoranti, Pizzerie nel territorio della Provincia di  Napoli, per un totale di 11 aziende, di cui n. 10 risultate con profili di irregolarità sotto l’aspetto lavoristico e con riguardo al  rispetto della normativa sulla sicurezza del lavoro.. Esaminata la posizione lavorativa di circa 69 lavoratori, dei quali ben  19 sono risultati occupati in totale carenza contributiva ed assicurativa ed in qualche caso anche con indebita percezione del reddito di cittadinanza. Per l’occupazione dei lavoratori privi di ogni copertura previdenziale ed assicurativa saranno contestate  sanzioni amministrative per violazione della normativa a tutela delle condizioni di  lavoro per complessivi Euro 36.720, oltre ai recuperi previdenziali ed assicurativi. Dunque, dal quadro risulta che  nei pubblici esercizi un lavoratore su tre circa risulta completamente al nero.

“Ovviamente – dichiara il Direttore dell’ispettorato del lavoro di Napoli dott. Antonio Zoina- “la presenza di così tante aziende che occupano buona parte del personale senza oneri contributivi, assicurativi e di sicurezza, altera in maniera irreparabile ogni regola di corretta concorrenza sul mercato. Una azienda che sopporta lealmente tutti i gravosi oneri legati al costo del lavoro, anche in materia di sicurezza,  non potrà offrire all’utenza  servizi a costi appetibili, peraltro in una area del paese a basso reddito medio pro capite. Per l’effetto, sarà sempre più difficile  nel settore anche sviluppare posti di lavoro strutturati, stabili ed assistiti da tutti i diritti e tutele di legge”.  

Nel corso degli accertamenti sono state riscontrate numerose violazioni anche alla normativa sulla salute e sicurezza sul lavoro che hanno portato all’adozione di n. 13 provvedimenti di prescrizione a porre tempestivamente in essere  tutte le misure occorrenti a ripristinare le condizioni di sicurezza del lavoro nelle unità produttive. Tra le violazioni riscontrate, anche particolarmente gravi, si segnalano  l’assenza di nomina del Servizio di prevenzione, nonché l’assenza delle visite mediche e della necessaria informazione e formazione per numerosi lavoratori. Per tali violazioni saranno comminate ulteriori sanzioni per complessivi Euro 19.750

Infine, per ben n. 8 aziende delle undici ispezionate  è scattata anche la sospensione dell’attività imprenditoriale, adottata dagli ispettori del lavoro per aver occupato nell’unità produttiva una percentuale di lavoratori irregolare pari o superiore al 10% delle maestranze trovate intente al lavoro e/o per gravi  violazioni in materia di salute e sicurezza sul lavoro. A tale titolo sono state irrogate sanzioni per ulteriori Euro 25.000.

Advertisements