Bagnoli, iniziato il vertice in Prefettura. De Vincenti: clima diverso. Comitati in piazza.

0
295

“C’e’ un clima diverso tra la cabina di regia su Bagnoli istituita dal governo e il Comune di Napoli”. A sancire il disgelo tra istituzioni sul futuro dell’ex area siderurgica dopo mesi di tensioni è il ministro per il Mezzogiorno Claudio De Vincenti al termine dell’incontro avuto oggi in Prefettura e al quale hanno preso parte anche il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e il presidente della Regione Vincenzo De Luca.

“Le divergenze tra le nostre proposte e quelle del Comune su Bagnoli – ha sottolineato il ministro – sono minime. Anzi, su molti aspetti ci sono delle convergenze. Ho intenzione di portare in cabina di regia le proposte del Comune e di integrarle con quelle del governo. Ho invitato – ha proseguito il ministro – il sindaco a partecipare alla prossima riunione perché l’apporto di Comune e Regione è fondamentale. La sua risposta è stata interlocutoria, ma mi sembra siano stati fatti diversi passi avanti, sono ottimista”.

“Il Governo sta tentando di riabilitare il commissariamento su Bagnoli che noi riteniamo fallimentare”. Così Luca Recano, esponente del comitato ‘Bagnoli Libera’ che è in piazza Plebiscito a Napoli dove nelle stanze della Prefettura è in corso un incontro su Bagnoli alla presenza del ministro per il Mezzogiorno, Claudio De Vincenti. Secondo i componenti del Comitato, il commissariamento di Bagnoli “non ha prodotto nulla, neanche l’agenda messa in cantiere dalla cabina di regia – ha aggiunto Recano – ma solo una messa in sicurezza degli arenili nord per 500 mila euro” opera di cui – affermano dal Comitato – “non ne scaturisce alcun beneficio per la cittadinanza”.

Il Comitato Bagnoli Libera chiede che il Governo faccia “un passo indietro e rimuova il commissario e la cabina di regia”.

Rispetto alla partecipazione del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, all’incontro, Recano ha affermato che “l’amministrazione comunale dovrebbe prendere atto che tutta la città è unità contro il commissariamento”. (ANSA)

LASCIA UN COMMENTO