Champions, il trionfo dopo la guerriglia, tris del Napoli all’Eintracht.

Il Napoli batte l’Eintracht Francoforte per 3-0 nel match di ritorno degli ottavi di finale di Champions League e, dopo la vittoria in trasferta per 2-0 all’andata, completa la missione qualificandosi in scioltezza ai quarti di finale. Gli azzurri arrivano tra le ‘last eight’ del torneo per la prima volta nella propria storia. Con Inter e Milan già promosse, sono ben 3 le squadre italiane che passano il turno – non accadeva dalla stagione 2005-2006 – e restano in corsa con Real Madrid, Manchester City, Chelsea, Bayern Monaco e Benfica. Nel sorteggio in programma venerdì 17 marzo alle 12 verranno decisi gli accoppiamenti dei quarti di finale, con la possibilità di derby tra italiane e inglesi, e il tabellone per definire le eventuali semifinali.

Il Napoli, in un match preceduto dai disordini provocati in città dai tifosi dell’Eintracht, fornisce l’ennesima prestazione da grande squadra. La formazione di Spalletti non si limita a gestire la partita, forte del vantaggio accumulato all’andata. Pronti, via e dopo 2 minuti Politano spaventa Trapp con un rasoterra dal limite. Kvaratskhelia si accende e al 19′, con un’azione personale, chiama il portiere tedesco all’intervento.

Il duello si ripete al 42′: suggerimento di Zielinski, conclusione del georgiano e nuova risposta dell’estremo difensore dell’Eintracht. Al 47′, prima del riposo, il Napoli sfonda. Cross di Politano, Osimhen decolla e colpisce di testa: palla all’incrocio, 1-0.

Il Napoli ha il merito di archiviare la pratica in avvio di ripresa. Imbucata per Politano, assist al centro e Osimhen deve solo appoggiare il pallone in rete: 2-0 e qualificazione in cassaforte. L’Eintracht, eliminato con 40 minuti di anticipo, abbandona ogni prudenza. Il match procede a fiammate, con occasioni da entrambe le parti. Al 62′ il Napoli cala il tris con il rigore che Zielinski si procura e trasforma: 3-0, Napoli agli ottavi e il sogno europeo continua.

Intervenuto ai microfoni di Mediaset, mister Luciano Spalletti ha commentato così il passaggio del turno in Champions League del suo Napoli: “È una bellissima cosa, un grandissimo risultato, ma dobbiamo riuscire ad apprendere sempre qualcosa da queste partite. Con una squadra forte si hanno delle ambizioni e bisogna essere sempre in crescita”.

Milan, Inter e Napoli sono ai quarti di finale di Champions: gli scettici sul calcio italiano possono ricedersi?
“Penso che, quando andiamo a parlare con quelli che sanno veramente di calcio, contro le italiane tutti ci giocano molto mal volentieri. Ci riconoscono i valori che abbiamo e probabilmente con queste tre squadre qualificate andiamo a rimettere a posto il pensiero di tanti”.

Cosa rappresenta per i suoi calciatori vestire la maglia di questo Napoli?
“Queste partite danno ai miei calciatori la possibilità di vestire per sempre la maglia del Napoli, perché stanno scrivendo la storia”.

Osimhen come Haaland, è un paragone che ci sta?
“Haaland e Osimhen sono due campioni eccezionali, hanno potenzialità ancora da completare che possono determinare molto per la loro carriera e la loro squadra”.

Advertisements