Alla Parthenope la prima ‘Galleria di arte fisica e nel Metaverso’

Da questa settimana Palazzo Pacanowski avrà una ‘Galleria d’arte fisica e nel Metaverso’ che ospita “Digital art {love} Exhibition” , una mostra d’arte realizzata dall’Ateneo con weHUB digital space nel tunnel che collega la sede dell’Università con via Chiatamone (tunnel che, attraverso gli ascensori, collega la sede di Palazzo Pacanowski con il lungomare di Napoli). La mostra poi sarà contemporaneamente esposta in un Metaverso ad essa dedicato.

Una iniziativa che nasce dalla ferma convinzione del valore dell’arte per il benessere delle persone e delle comunità, come sottolineato dal Rettore, prof. Antonio Garofalo e dal Direttore del Dipartimento di Studi Aziendali ed Economici, prof. Raffaele Fiorentino; la mostra infatti si inserisce nelle iniziative di ‘Terza Missione’ dell’Ateneo, volte cioè ad avvicinare l’università al territorio e la cultura a tutti i suoi possibili fruitori.

La mostra mira ad avvicinare prima di tutto gli studenti al mondo dell’arte tradizionale e digitale, per creare un momento di confronto sul tema dell’arte, dell’innovazione e delle nuove tecnologie.

L’espressione artistica è affidata alle opere di Unplatonic ed Alberto Bottillo. Disegni, immagini, personaggi, frasi, pennellate e cuori disegnati a mano in un viaggio tra il reale ed il virtuale, per diffondere il concetto più sconfinato di “Amore”.

L’Università Parthenope sarà il primo Ateneo in Italia ad avere una Galleria nel Metaverso, ovvero uno spazio virtuale accessibile tramite una piattaforma online, dove le opere d’arte saranno esposte in modo tridimensionale e interattivo e dove i visitatori potranno immergersi in un’esperienza unica e coinvolgente.