La Casina Vanvitelliana: un’Epopea di amore e arte sul Lago Fusaro

Nel cuore di una terra avvolta dalla storia millenaria e dalla bellezza senza tempo, si erge la maestosa Casina Vanvitelliana. Questo gioiello architettonico, un tempo dimora di re e nobili, racconta una saga avvincente di potere, amore e tradimento che si intreccia con la storia stessa dei luoghi circostanti.
Con la caduta dell’Impero Romano, le città costiere dei Campi Flegrei furono travolte dalle orde saracene del 915 d.C., subendo una devastazione senza precedenti. L’area tra Cuma e il Fusaro, un tempo bonificata dai greci cumani, ritornò al suo antico aspetto paludoso, mentre la città di Cuma divenne un rifugio per briganti e saccheggiatori. Solo nel 1207, grazie al Duca Goffredo di Montefuscolo, queste razzie furono fermate definitivamente.
Ma fu nel XVIII secolo che la storia di questo luogo prese una svolta decisiva, grazie al genio di Carlo Vanvitelli, architetto di fama rinomata. Su ordine del re Ferdinando IV di Borbone e Carlo Vanvitelli ebbe l’incarico di costruire una casina per la caccia e la pesca su un’isoletta preesistente nel lago Fusaro.
Il risultato fu un padiglione poligonale affascinante, che sembrava emergere dalle acque stesse del lago, con corpi sporgenti e terrazze che si estendevano su entrambi i piani.
La Casina divenne ben presto un luogo di ritrovo per l’alta società dell’epoca, accogliendo ospiti illustri come Giuseppe II d’Asburgo e persino l’imperatore d’Austria Francesco II.
Nel corso dei secoli, la Casina Vanvitelliana ha accolto una miriade di personaggi famosi, da Mozart a Gioacchino Rossini, lasciando un’impronta indelebile nella storia e nella cultura del luogo.
Anche oggi, nel XXI secolo, i visitatori rimangono stupefatti di fronte alla sua magnificenza e alla sua storia avvincente, lasciandosi affascinare dall’aura di romanticismo e mistero che permea ogni angolo di questo luogo incantatoNel contemplare il tramonto che dipinge il cielo sopra il lago Fusaro, si può ancora percepire lo stupore eterno che questa meraviglia architettonica ispira in coloro che hanno il privilegio di scoprirne la bellezza.Oggi, la Casina Vanvitelliana continua a incantare e a ispirare con il suo fascino senza tempo. Visitatori di tutto il mondo rimangono stupefatti di fronte alla sua bellezza intramontabile, mentre si immergono nell’atmosfera carica di storia che avvolge ogni pietra e ogni angolo.Nel tramonto dorato che colora il cielo sopra il lago Fusaro, si può ancora percepire il palpito del passato, il respiro di un’epoca d’oro che vive eternamente nella memoria di chiunque varchi le sue soglie.Ma perché Ferdinando di Borbone decise di creare questa splendida casina sulle acque del lago Fusaro? Oltre alla sua passione per la caccia e la pesca, la Casina serviva come rifugio romantico per il re e la sua amata, la regina. Qui, lontani dagli sguardi indiscreti della corte, la coppia reale poteva vivere momenti di intimità e amore, circondati dalla bellezza della natura e dall’eleganza dell’architettura.Ma non è solo la storia romantica che rende la Casina così affascinante. I suoi tramonti infuocati, riflessi sulle placide acque del lago, regalano uno spettacolo mozzafiato che lascia senza fiato ogni visitatore. Il giardino circostante, curato con amore e dedizione, aggiunge un tocco di magia al panorama, trasformando ogni angolo in un’opera d’arte vivente.E così, ancora oggi, la Casina Vanvitelli continua a essere un luogo di incontro per gli amanti dell’arte, della storia e della bellezza. Con il suo fascino senza tempo e la sua aura romantica, questa splendida dimora sul lago Fusaro resta un simbolo dell’amore che ha dato origine alla sua esistenza, un testimone silenzioso di passioni e desideri che attraversano i secoli.
( G. Gionti).