Alessandro Di Battista porta a Teatro: “ASSANGE. Colpirne uno per educarne cento”

Oggi sabato 6 aprile, ore 21.00 – Teatro Acacia – NAPOLI.

Volete sapere davvero chi è Julian Assange? Volete informarvi per comprendere meglio il drammatico momento storico che stiamo vivendo e la visione di mondo che senza nemmeno accorgercene, stiamo contribuendo a incrementare, totalmente rimbambiti dalla propaganda mainstream?

Ebbene potete farlo riempiendo di nuovo i teatri, non solamente per puro svago, ma stavolta per una giusta anzi, sacrosanta causa, andando a vedere, ma soprattutto ascoltare Alessandro Di Battista nel suo nuovo spettacolo: ”Assange. Colpirne uno per educarne cento”

Attivista politico, reporter, scrittore e opinionista: “Dibba” così lo chiama affettuosamente il suo affezionatissimo pubblico/seguito che è stato prima suo fervente elettore, quando era l’esponente di spicco, la punta di diamante del Movimento che ha rotto gli schemi della vecchia politica, i 5 Stelle…E dopo suo “follower” ma nel senso migliore del termine, quando ha continuato a fare politica fuori dalle istituzioni, che ha volutamente abbandonato, restituendo, come aveva promesso, oltre alla metà del suo stipendio mensile, persino la liquidazione da parlamentare che gli spettava di diritto, per la sua “troppa” integrità.
Di Battista nello spettacolo di oggi al Teatro Acacia di Napoli ripercorrerà le incredibili e vergognose vicende del giornalista Julian Assange, fondatore del sito WikiLeaks e incarcerato ingiustamente per aver fatto semplicemente il suo lavoro: dare notizie. Dalla pubblicazione dei documenti segreti che provano inconfutabilmente i crimini di guerra di diverse nazioni, Stati Uniti in testa, alle denunce subite passando per gli anni da rifugiato politico nell’ambasciata dell’Ecuador a Londra fino all’arresto e alla detenzione nel carcere inglese di massima sicurezza di Belmarsh. Assange da ben 12 anni non vede la luce del sole e oggi rischia l’estradizione in USA e la galera a vita. Di Battista porta sul palcoscenico la sua storia, Assange. Colpirne uno per educarne cento”, una storia che riguarda la libertà di stampa in occidente, dunque se non fosse abbastanza chiaro: la nostra stessa libertà. Il tutto nel silenzio assordante dei media mainstream divenuti ormai pavidi, indolenti, conformisti, al soldo del miglior offerente. Nel mondo alla rovescia in cui ormai viviamo da tempo è più grave svelare crimini che commetterli.

La Coordinatrice Nazionale & Relazioni Esterne del nostro Gruppo Editoriale, Sara Esposito, ha intervistato in esclusiva Di Battista per Gazzetta di Napoli.

Alessandro ci mette subito a nostro agio e le domande dalla terza persona singolare passando subito al Tu…

-D: Cosa si potrebbe fare concretamente, cosa la politica internazionale dovrebbe fare per restituire ad Assange la sua libertà?
-R: Innanzitutto conoscere la sua storia: perché se l’opinione  pubblica mondiale conoscesse davvero la storia di Assange e il motivo per cui sta letteralmente marcendo in carcere, prenderebbe posizione perché la sua libertà ha a che fare con la nostra stessa libertà. Oltretutto il modo migliore per onorare e sostenere Assange è ricordare quello che sappiamo grazie a lui e utilizzare queste informazioni per leggere il presente dalla guerra in Ucraina alla carneficina di Gaza…

 -D: Nel tuo nuovo libro “SCOMODE VERITÀ” edito da PAPERFIRST www.paperfirst.it/libri/scomode-verita, (di cui ci sarà il firmacopie dopo lo spettacolo di stasera al Teatro Acacia) affronti temi come la guerra in Ucraina appunto, il massacro a Gaza, la catastrofe in Medio Oriente, il ruolo dei Governi Occidentali e dei mass media. Cosa pensi del ruolo della NATO negli equilibri internazionali e in particolare con l’Italia?
R: La NATO nasce come organizzazione difensiva tra virgolette, all’epoca del patto di Varsavia, con la dissoluzione di quest’ultimo, stesso epilogo avrebbe dovuto avere anche la NATO che invece si è trasformata in un’organizzazione militare offensiva, che essenzialmente serve a tutelare gli interessi geopolitici nord americani in giro per il mondo.

-D: Sarebbe possibile realisticamente uscire da questa alleanza?
-R: Innanzitutto la prima cosa che auspico è soprattutto che i Paesi europei che fanno parte dell’alleanza atlantica ci stiano in posizione retta e non a 90 gradi…Questo già sarebbe tanto.

-D: Perché un’alleanza che dovrebbe soltanto essere “difensiva” ormai da anni fa di tutto per instillare guerre in ogni parte del Mondo sulla base di interessi specificamente americani?
-R: Che poi non sono interessi del popolo americano, sono interessi che Eisenhower definiva come: “complesso militare industriale statunitense” ovvero: tutti coloro che si arricchiscono dietro alle guerre e specialmente se le guerre diventano durature. Più durano i conflitti più questi soggetti si arricchiscono, essendo anche i maggiori produttori di armi al Mondo ed è per questo che non viene portato avanti alcun tipo di negoziato in Ucraina: le guerre devono durare più a lungo possibile anche se gli ucraini stanno morendo come mosche…

 -D: Dato il tuo seguito e dato l’affetto che ti dimostra da sempre la gente, pensi prima o poi di rientrare in politica?
-R: Non escludo di poter tornare a presentarmi, però è anche vero che in questo momento sono molto contento delle battaglie che sto portando avanti e per me si può fare politica anche al di fuori delle istituzioni.

-Vero e lo ha sempre detto e ribadito in svariate occasioni…-

-D: L’Italia per quanto concerne la questione Assange e le guerre attualmente in atto, come si sta ponendo, secondo te?
-R: Non pervenuta! Nella Prima Repubblica vi erano politici che esprimevano un’opinione, che sapevano un minimo tutelare l’interesse collettivo. Questi sovranisti in realtà sono i peggiori, anzi i migliori camerieri degli statunitensi…

-D: Tu che ti esponi su temi così importanti senza compromessi, che sei un puro, una persona limpida. Ti senti al sicuro?
-R: Assolutamente si. Mi arrivano vagonate di fango, ma ho le spalle larghe e le rappresaglie mediatiche non mi fanno ormai più molto male.

Chi come Alessandro si impegna per dare voce a situazioni e vicende come quella di Assange va sostenuto senza esitazioni. Persone come lui, persone perbene sono veramente rare e rappresentano l’ultimo baluardo di un’Italia e di un Mondo in cui i valori sono totalmente sovvertiti e la nostra stessa libertà ed esistenza, se non iniziamo a informarci e a pensare scevri da propaganda e piccoli e meschini interessi, sono appese a un filo.
Diamoci la possibilità di aprire gli occhi e soprattutto le menti e i cuori e lottiamo a testa alta per ciò che conta davvero, finchè ci sarà ancora qualcosa di bello e giusto per cui combattere. 

Lo spettacolo è prodotto da Loft Produzioni S.r.l.
I biglietti sono disponibili su VivaTicket
Link con tutte le date del tour: www.ilfattoquotidiano.it/2024/02/17/alessandro-di-battista-porta-a-teatro-la-storia-di-julian-assange/7068619/

Credits:
Testi di Alessandro Di Battista
Ricerche e contributi di Niccolò Monti
Regia di Samuele Orini
Scenografia di Giorgia Ricci
Direzione della fotografia di Mauro Ricci
Grafica di Pierpaolo Balani e Giulia Segoni Distribuzione Epoché ArtEventi

Alessandro Di Battista Pagine Social, Canali e Sito Web Ufficiale:
www.instagram.com/aledibattista?igsh=MmVtYmR1OTYwbnBq
www.facebook.com/share/veRBGY24baoBt76s/?mibextid=LQQJ4d
twitter.com/ale_dibattista?ref_src=twsrc%5Egoogle%7Ctwcamp%5Eserp%7Ctwgr%5Eauthor
youtube.com/@AlessandroDiBattista1978?feature=shared
www.aledibattista.it