Terzo mandato, non passa emendamento Lega su sindaci e governatori, Salvini: secondo me è un errore ma neessun problema in maggioranza

In commissione Affari costituzionali del Senato è stato bocciato l’emendamento per il terzo mandato ai governatori proposto dalla Lega.

A quanto apprende l’AdnKronos sono stati 16 i voti contrari (Fdi-Fi-Pd-M5S e Avs, 4 i favorevoli (Lega e Italia Viva), un astenuto (Autonomie), mentre Azione non ha partecipato al voto.

In mattinata sul terzo mandato dei sindaci era arrivato il parere contrario del governo all’emendamento della Lega. Il partito di Matteo Salvini, come annunciato nelle scorse ore, aveva quindi ritirato il testo.

Il terzo mandato? “Vota il Parlamento”, ha detto Matteo Salvini, intervistato da Agorà su Rai 3, rispondendo così proprio mentre in Commissione Affari costituzionali del Senato si valutava l’emendamento della Lega sul terzo mandato ai governatori. Quelli della Lega che faranno? “Andranno avanti, lasciamo che i cittadini decidano. Mi sembra sia questione di buon senso”. “I parlamentari non hanno limiti ai mandati…”, ha detto ancora sottolineando come la limitazione non riguardi gli eletti in Parlamento.

“Non ci sarà nessun problema in maggioranza se non passerà in Parlamento la legge sul terzo mandato. La posizione della Lega è chiara ma siamo in democrazia: ogni tanto le proposte della Lega passano altre volte, come in questo caso, vengono bocciate perchè tutti gli altri, Forza Italia, Fratellli d’Italia, Pd, Cinquestelle sono contro. Secondo me è un errore”.