Tra calcio, food e gaming: la tecnologia al servizio del marketing

Per sopravvivere nella selva economica del presente occorre trovare nuove strade, percorrere vie innovative, trovare la rotta giusta. Per rialzare la testa, dopo la crisi legata alla pandemia da Covid 19, serve strategia, progettazione. Il marketing può essere la risposta a tutto questo, soprattutto se unito alla tecnologia, al digitale, all’informatica.

Sono tante, infatti, le industrie e le aziende che per migliorare le vendite e cercare di voltare pagina hanno deciso di investire in visibilità e in comunicazione. Oggi proviamo a raccontare l’esperienza di tre grandi settori. A partire da quello della gastronomia, del cibo, della ristorazione. Qui il simbolo della trasformazione digitale e della tecnologia al servizio del marketing è rappresentato da TheFork, l’app di recensione ma soprattutto di prenotazione di ristoranti più scaricata in Italia. “La tecnologia è sempre stata al centro della strategia di crescita di TheFork – ha spiegato in questa intervista Valentina Quattro, Industry Relations Director del brand – sin dalla sua nascita nel 2007 l’azienda ha continuato a investire e innovare per migliorare sempre più l’esperienza utenti e, parallelamente, per consentire ai ristoranti di ottimizzare la gestione delle prenotazioni, semplificare le operazioni, migliorare il servizio e i ricavi”. Rispetto al 2019, anno pre Covid 19, si è registrato un +22% di prenotazioni nel periodo tra gennaio e luglio 2022, grazie a una applicazione migliorata e all’utilizzo di bonus in caso di prenotazione.

Bonus che sono al centro della crescita di un altro grande settore particolarmente toccato dalla pandemia: il gioco d’azzardo pubblico e legale. Come illustra questo sito, l’aumento di utenti e la capacità di arrivare a nuove fasce di giocatori è stato possibile proprio grazie all’introduzione di slot senza deposito o all’utilizzo di bonus di benvenuto, capaci di attrarre milioni di nuovi clienti. A fare la differenza, poi, ci ha pensato la tecnologia: app mobile friendly, casinò online interattivi e dinamici, protocolli di sicurezza all’avanguardia, Intelligenza Artificiale e machine learning al servizio dell’utente.

Marketing e tecnologia sono la soluzione della crisi, insomma, o la via per cercare di risolverla. Lo dimostra anche il caso di DAZN che dopo il caos di inizio stagione e un danno di immagine di valore incalcolabile, ha deciso di cambiare il direttore del marketing. Da qualche settimana, infatti, c’è Pete Oliver a guidare la strategia di visibilità globale del brand, con la speranza di poter arginare le perdite e di fornire un servizio migliore. E se ce la farà si dovrà ancora una volta dire grazie alla tecnologia.