Pragmatismo politico in un mondo interconnesso, intervista al Ministro degli Esteri dell’Uzbekistan Abdulaziz Kamilov.

0
379
Con Funshopping.it lavora da casa e guadagna on line generando un reddito aggiuntivo

Giornalista: Salim Doniyorov

8 ottobre 2021

https://yuz.uz/ru/news/politicheskiy-pragmatizm-vo-vzaimosvyazannom-mire

 

 

Intervista del Ministro degli Affari Esteri della Repubblica dell’Uzbekistan Abdulaziz Kamilov al caporedattore dei giornali

Pravda Vostoka e Yangi O’zbekiston

Domanda: S.E. Abdulaziz Khafizovich, il 5 ottobre di quest’anno a Tashkent si è tenuta una conferenza internazionale sul tema “Uzbekistan: riforme rapide in cinque anni”, dedicata a una panoramica delle trasformazioni fondamentali avvenute nel nostro Paese negli ultimi anni. Durante questo evento sono stati discussi i risultati del nuovo approccio della leadership dell’Uzbekistan all’attuazione di una politica estera equilibrata e reciprocamente vantaggiosa. Negli ultimi anni, infatti, nel nostro Paese si sono verificati cambiamenti colossali. Come vengono valutati dalla comunità mondiale? Potrebbe rivelare anche i principali fattori di cambiamenti fondamentali nella politica estera dell’Uzbekistan?

 

Risposta: Grazie per la interessante domanda. Innanzitutto, vorrei sottolineare che la conferenza da Lei citata è stata organizzata ad alto livello e si è rivelata molto rappresentativa e pertinente. Ha riunito rappresentanti di missioni diplomatiche di Stati esteri, organizzazioni internazionali, eminenti scienziati ed esperti stranieri. Ritengo che l’evento abbia avuto molto successo grazie agli sforzi degli organizzatori, nonché alla stretta interazione e al dialogo aperto tra i partecipanti alle discussioni.

 

Una delle sessioni è stata dedicata all’attuazione di compiti volti a garantire la sicurezza, la tolleranza religiosa e l’armonia interetnica, nonché a perseguire una politica estera equilibrata e costruttiva. Tutti questi compiti interconnessi appartengono alla quinta area prioritaria della Strategia d’azione sulle cinque aree prioritarie di sviluppo della Repubblica dell’Uzbekistan nel 2017-2021 – un programma fondamentale di riforme avviato e portato avanti sotto la guida personale del Presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev.

 

Devo dire che i partecipanti hanno tenuto discussioni vivaci e molto franche su come sta procedendo il processo di riforme, finalizzato all’ingresso dell’Uzbekistan nel numero degli stati democratici sviluppati.

 

Le opinioni di esperti e diplomatici stranieri coincidevano in quanto le riforme fondamentali in Uzbekistan iniziate cinque anni fa hanno svolto un ruolo colossale nella transizione del paese verso un nuovo e moderno percorso di sviluppo e modernizzazione, aumentando l’efficacia della politica interna ed estera dello stato.

 

Durante le discussioni, i nostri colleghi stranieri hanno espresso l’opinione che grazie alla politica estera aperta e costruttiva del presidente Shavkat Mirziyoyev, il ruolo e il posto del nostro Paese nelle relazioni internazionali si sono notevolmente rafforzati. Uno dei principali risultati è stata la trasformazione dell’immagine dell’Uzbekistan, la sua percezione nel mondo come un paese in cui si stanno formando una società democratica, un’economia forte e competitiva, istituzioni e infrastrutture innovative.

Alla fine di settembre di quest’anno al dibattito generale della 76a sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, il presidente Shavkat Mirziyoyev nel suoi intervento ha affermato con fermezza che le riforme democratiche su larga scala e dinamiche in Uzbekistan sono diventate oggi irreversibili, la loro base è la garanzia e la protezione di diritti, libertà e interessi legittimi della persona.

 

Questa dichiarazione, secondo osservatori stranieri, è un potente segnale positivo per la comunità mondiale, in primo luogo per i partner della politica estera e gli investitori internazionali dell’Uzbekistan.

 

Quindi, cosa ha influenzato il cambiamento radicale dell’immagine dell’Uzbekistan sulla scena internazionale?

 

In primo luogo, è la volontà politica e la determinazione della leadership della repubblica, che si è posta l’obiettivo di profonde riforme sistemiche, compresa la garanzia della libertà di parola e dei media, religione e credo, uguaglianza di genere e armonia interetnica.

 

Come sapete, nell’ottobre 2020, per la prima volta nella storia, l’Uzbekistan è stato eletto membro del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite, che comprende 47 Stati responsabili della promozione e della protezione dei diritti umani in tutto il mondo.

 

In secondo luogo, la linea di politica estera approvata dal presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev è di natura pragmatica e strategicamente verificata. Ciò ha contribuito al rafforzamento dell’autorità del nostro Paese quale partner affidabile e stabile, affidabile e che persegue una politica estera attiva.

 

Il risultato principale di questo corso è stato un radicale miglioramento della situazione politica in Asia Centrale, la formazione di un vero spirito di buon vicinato nella regione, l’inizio del lavoro congiunto dell’Uzbekistan e degli stati vicini per risolvere questioni regionali vitali.

 

Inoltre, si sono ampliate le relazioni multiformi e reciprocamente vantaggiose del nostro paese con le principali potenze: Russia, Cina, Stati Uniti, Unione Europea e Stati d’Europa, Turchia, Corea del Sud, Giappone, India, Pakistan e molti paesi del Medio Oriente e del Sud-Est Asiatico.

 

         In terzo luogo, la diplomazia multilaterale si è notevolmente intensificata. Le conferenze internazionali organizzate su iniziativa della leadership del Paese sono state molto apprezzate dalla comunità mondiale. Prima di tutto, stiamo parlando di forum di importanza storica dedicati alla formazione di corridoi di trasporto internazionali, alla soluzione del problema dell’Afghanistan e al rafforzamento dell’interconnessione dell’Asia Centrale e Meridionale. La Conferenza mondiale sui diritti dei giovani “Coinvolgere i giovani nell’azione globale” si è tenuta con successo.

 

Tutti questi importanti forum hanno formato una piattaforma politica per lo sviluppo di un nuovo ed efficace modello di interazione regionale e internazionale nelle sfere: politica, economica, degli investimenti, dei trasporti e della logistica, dell’energia, della tecnologia, della cultura e umanitaria.

 

Su iniziativa del Presidente dell’Uzbekistan, prossimamente si terrà a Tashkent un’altra importante conferenza internazionale. Sarà dedicato a un tema di attualità per la comunità mondiale: lo studio dei problemi della ripresa economica globale e delle migliori pratiche per ridurre la povertà nel periodo post-covid.

 

In quarto luogo, le iniziative vitali e attuali del presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev, volte a consolidare gli sforzi degli stati della nostra regione e del mondo nella risoluzione dei problemi comuni, hanno portato a un forte aumento dell’attività e al rafforzamento del ruolo dell’Uzbekistan nelle organizzazioni internazionali.

 

Vorrei sottolineare in particolare l’iniziativa già attuata per creare un Fondo fiduciario di pluripartenariato delle Nazioni Unite per la sicurezza umana per la regione del Lago d’Aral, nonché l’adozione, su suggerimento del presidente Shavkat Mirziyoyev, di una serie di importanti risoluzioni dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite sul rafforzamento della cooperazione regionale e internazionale nella regione dell’Asia Centrale, l’illuminazione e la tolleranza religiosa, il turismo sostenibile e lo sviluppo sostenibile, la creazione di una zona di innovazioni e tecnologie ambientali nella regione del Lago d’Aral.

 

Nel 2020, Tashkent ha presieduto per la prima volta la CSI e ha tenuto con successo un Sammit della CSI, proponendo più di una decina di iniziative all’interno del suo quadro.

 

Tra gli eventi più importanti del quinquennio, è necessario evidenziare l’ingresso dell’Uzbekistan nei membri del Consiglio Turco, l’avanzamento dei negoziati per l’adesione all’OMC e l’ottenimento dello status di Stato osservatore nell’UEE. Parallelamente, il nostro Paese sta completando il processo di negoziazione dell’Accordo rafforzato di partenariato e cooperazione con l’UE e ha ricevuto lo status di Paese beneficiario nel sistema SPG+.

 

In quinto luogo, la diplomazia economica sta guadagnando slancio. L’attrazione di investimenti stranieri e tecnologie avanzate per l’economia dell’Uzbekistan si è notevolmente intensificata.

In generale, tutti questi fattori hanno contribuito alla formazione di una nuova immagine dell’Uzbekistan come paese aperto alla piena cooperazione. Il concetto di “Nuovo Uzbekistan” è saldamente radicato nell’arena internazionale.

 

Domanda: Signor Ministro, come Lei ha notato, negli ultimi cinque anni ci sono stati cambiamenti significativi non solo nel nostro paese, ma anche nella regione dell’Asia Centrale. Il presidente Shavkat Mirziyoyev ha presentato un’agenda unificante nella regione, che ha permesso di migliorare e rafforzare significativamente le relazioni interstatali del nostro paese con tutti gli stati vicini. Allo stesso tempo, vorrei conoscere la Sua opinione su quelle questioni che sono ancora all’ordine del giorno e richiedono una soluzione.

 

Risposta: Naturalmente, fin dai primi giorni della sua presidenza, il capo del nostro Stato ha iniziato a prestare un’attenzione prioritaria al radicale miglioramento della situazione politica in Asia Centrale. Innanzitutto, è stato fissato un obiettivo responsabile ed estremamente necessario: dare origine a una soluzione costruttiva delle questioni regionali, che in passato hanno creato ostacoli al rafforzamento delle relazioni con i vicini.

 

Avendo stabilito relazioni di fiducia e dialogo aperto con gli Stati vicini al più alto livello, abbiamo raggiunto gli accordi necessari per risolvere le questioni bilaterali e regionali sulla base del buon vicinato, della fiducia reciproca, della considerazione dei reciproci interessi e ragionevoli compromessi. Le relazioni dell’Uzbekistan con tutti gli stati dell’Asia Centrale sono state portate al livello di partenariato strategico.

 

Come ha osservato il presidente Shavkat Mirziyoyev, “il termine “spirito  centroasiatico” è apparso nel dizionario politico del mondo”, riflettendo accuratamente l’atmosfera politica positiva di cooperazione e comprensione reciproca creata nella nostra regione.

 

È stata attuata l’iniziativa di tenere riunioni consultive regolari dei capi di Stato: si sono tenuti tre vertici a Nur-Sultan, Tashkent e Avaz. Si stanno svolgendo forum economici dell’Asia Centrale. I legami commerciali ed economici, la cooperazione industriale, l’interazione culturale e umanitaria si stanno sviluppando a un ritmo accelerato.

 

Parlando delle restanti questioni principali della cooperazione regionale, è necessario evidenziare l’ulteriore soluzione dei problemi di confine, l’uso congiunto e razionale delle risorse idriche ed energetiche, lo sviluppo e il miglioramento del sistema di trasporto e comunicazione, la garanzia della sicurezza regionale, nonché il proseguimento dei lavori su una serie di questioni ambientali.

 

Vorrei sottolineare che queste indicazioni derivano dalla strategia regionale del Presidente dell’Uzbekistan, che comprende i seguenti aspetti.

 

Il primo è l’attuazione di tutti gli accordi raggiunti al più alto livello nel corso dei contatti bilaterali e nell’ambito dei vertici consultivi dei capi di Stato dell’Asia Centrale.

Il secondo è migliorare il modello di cooperazione economica regionale, aumentare l’efficienza dell’interazione nei settori del commercio e degli investimenti, della cooperazione industriale, dei trasporti, dei transiti, dell’energia e dell’innovazione.

Il terzo è lo sviluppo congiunto delle risposte alle sfide e alle minacce moderne affrontate dalla nostra regione, compresa la pandemia e il superamento delle sue conseguenze, la risoluzione dei problemi ambientali, la prevenzione delle minacce transnazionali di estremismo e terrorismo, nonché il rafforzamento dell’armonia interetnica, dei legami amichevoli e fraterni tra i popoli dell’Asia Centrale.

 

Domanda: Il ritiro delle truppe USA e NATO dall’Afghanistan ha portato a una nuova situazione in questo paese, che influisce sulla sicurezza regionale in Asia centrale. A questo proposito, all’estero sono apparsi diversi commenti e proposte in merito alla possibilità di riprendere la partecipazione dell’Uzbekistan alla CSTO. Cosa può dire su questo?

 

Risposta: Ipotizzando eventuali commenti nello spazio delle informazioni, vorrei chiarire la portata dei miei giudizi. Cioè: cercherò di esprimere la mia opinione esclusivamente nell’ambito della Sua specifica domanda, senza passare ai problemi generali dell’utilizzo delle Forze Armate per respingere aggressioni esterne, minacce alla sicurezza del Paese e protezione del Confine di Stato. Questo non è in alcun modo messo in discussione e, abbastanza ragionevolmente, è parte integrante dei concetti e delle dottrine di sicurezza nazionale della maggior parte dei paesi e delle varie associazioni con la natura di blocchi politico-militari.

 

L’Uzbekistan ha sempre sostenuto e continua a sostenere una soluzione pacifica a tutte le questioni, in particolare al conflitto in Afghanistan, che da molti ha suscitato l’allarme dei paesi vicini decenni. Abbiamo costantemente affermato che non esiste una soluzione militare al problema afghano. Questo punto di vista è ora condiviso da molti nella comunità mondiale. E il ritiro delle truppe della coalizione internazionale dall’Afghanistan ha mostrato la correttezza del nostro approccio.

 

In conformità con la legislazione nazionale, con il Concetto di attività di politica estera e con la Dottrina di difesa della Repubblica dell’Uzbekistan, il nostro paese non partecipa a blocchi militari. Inoltre, in termini pratici, non è meno importante il fatto che oggi la nostra repubblica disponga di un significativo potenziale proprio per garantire la sicurezza nazionale. Le riforme nel campo della costruzione militare stanno procedendo con successo, si sta rafforzando la base tecnico-militare dell’esercito nazionale.

 

Naturalmente, il mondo moderno si sta sviluppando in modo estremamente dinamico. L’architettura dell’ordine mondiale è in costante mutamento. Indubbiamente, questo porta con sé determinate sfide e minacce, alle quali si può resistere in vari modi, anche attraverso alleanze e organizzazioni militari.

 

Tuttavia, di fronte alle sfide alla sicurezza, fare affidamento solo sulla potenza militare non è sempre produttivo. Dopotutto, ci sono altri strumenti che non sono meno efficienti e nella maggior parte dei casi si rivelano abbastanza efficaci nel contrastare le sfide alla sicurezza. Uno di questi strumenti è la diplomazia.

 

I metodi della diplomazia preventiva hanno ripetutamente dimostrato la loro utilità in passato e stanno attualmente dimostrando la loro fattibilità, anche nell’approccio alla nuova situazione in Afghanistan. E non si tratta solo di diplomazia bilaterale. A livello multilaterale internazionale, è stato creato ed è in costante sviluppo un intero sistema di meccanismi politici e diplomatici volti a prevenire quasi  qualsiasi tipo di sfida e minaccia alla sicurezza nazionale e regionale.

 

Ad esempio, in Asia Centrale esiste un sistema equilibrato di meccanismi di dialogo tra i paesi della regione e i grandi partner nel formato “5 + 1”. Tali piattaforme funzionano nelle relazioni con Russia, USA, UE, Cina, India, Repubblica di Corea e Giappone. Inoltre, nella regione, oltre alla CSTO, esistono organizzazioni come la CSI e la OCS, nell’ambito delle quali vengono discusse questioni di attualità, comprese quelle relative alla garanzia della sicurezza regionale, incluso il problema dell’Afghanistan.

 

La recente partecipazione dell’Uzbekistan al vertice della CSTO come ospite d’onore, così come all’incontro SCO + CSTO a Dushanbe, dove è stata discussa la situazione in Afghanistan, è un elemento integrante della nostra diplomazia equilibrata e pragmatica.

 

Grazie a una politica proattiva e aperta, il nostro Paese ha stabilito relazioni di partenariato strategico con tutti gli Stati dell’Asia centrale e le potenze mondiali. Si sta sviluppando attivamente la cooperazione con loro nella lotta contro il terrorismo e l’estremismo, sta progredendo con successo la cooperazione tecnico-militare. Il dialogo instaurato con gli Stati partner su tutti gli aspetti dell’interazione nella regione contribuisce al rafforzamento della stabilità regionale e crea le condizioni per superare gravi sfide alla sicurezza.

 

Tutto ciò consente di discutere in modo efficace e risolvere tempestivamente le problematiche relative alla prevenzione e al contrasto operativo delle minacce emergenti.

Domanda: In relazione al cambio di potere a Kabul, alcuni commentatori si sono affrettati a trarre conclusioni: i presunti piani per coinvolgere l’Afghanistan nei rapporti commerciali ed economici regionali e promuovere l’interconnessione regionale dell’Asia Centrale e Meridionale dovranno essere rinviati “a tempi migliori”. Secondo Lei, è possibile essere d’accordo con questa previsione?

 

Risposta: Tali conclusioni sono probabilmente dovute alla mancanza di una comprensione sufficiente dei processi in corso in Afghanistan e dell’essenza delle iniziative proposte dall’Uzbekistan.

 

La situazione in Afghanistan è davvero difficile. Questa è una nuova realtà con cui dobbiamo fare i conti.

 

Ovviamente, la situazione in questo paese rimarrà ancora un fattore di tensione nella regione, soprattutto tenendo conto dei gruppi terroristici ancora presenti sul territorio dell’Afghanistan.

 

Tuttavia, si dovrebbe tener conto del fatto che l’Afghanistan è una fonte non solo di sfide e minacce, ma anche di nuove opportunità che possono costituire la base di progetti regionali costruttivi e creativi. È nel nostro interesse impedire l’isolamento internazionale dell’Afghanistan e la comparsa di un “paese  ostile” ai nostri confini meridionali, per evitare che si ripeta lo scenario della fine degli anni ’90 del secolo scorso.

 

In Uzbekistan partiamo dalla necessità non solo di prevenire l’isolamento dell’Afghanistan, ma anche di intensificargli la fornitura di assistenza umanitaria. Abbiamo aperto il confine con questo Paese e abbiamo ripreso la fornitura di beni di prima necessità: cibo, prodotti petroliferi ed elettricità. Tashkent sostiene inoltre lo sblocco dei beni dello stato afghano nelle banche straniere, invita la comunità mondiale a continuare l’attuazione di progetti sociali, economici e infrastrutturali in Afghanistan.

 

Proprio con l’obiettivo di risolvere questi problemi la delegazione ufficiale dell’Uzbekistan ieri, 7 ottobre, ha visitato Kabul e ha condotto trattative costruttive con la leadership e i membri del governo provvisorio dell’Afghanistan.

 

Siamo convinti che il proseguimento dell’assistenza socioeconomica e l’attuazione di progetti di sviluppo siano urgenti per prevenire una crisi umanitaria, stabilizzare la situazione e la ricostruzione postbellica dell’Afghanistan. In definitiva, senza risolvere questi problemi, è praticamente impossibile garantire la stabilità a lungo termine in questo Paese e nelle regioni limitrofe.

 

L’Uzbekistan non ha un’agenda nascosta o ambigua nella direzione afghana. La nostra posizione è univoca e le nostre azioni sono trasparenti e pragmatiche. L’Uzbekistan è interessato alla creazione di uno stato pacifico e indipendente. Il suolo afghano non dovrebbe più rappresentare una minaccia per i paesi della regione e per la sicurezza internazionale. Un Afghanistan stabile e prospero soddisfa gli interessi dell’intero popolo afghano multinazionale e della comunità mondiale.

 

L’Afghanistan non deve diventare un ostacolo, ma un ponte per rafforzare la cooperazione reciproca tra l’Asia Centrale e Meridionale. Ciò sarà facilitato dai progetti di trasporto e comunicazione transafghani, che intendiamo promuovere ulteriormente insieme ai nostri partner internazionali.

 

L’attuazione delle iniziative dell’Uzbekistan sull’interconnessione regionale dell’Asia Centrale e Meridionale è necessaria per affrontare i principali problemi di sicurezza e costruire meccanismi per la cooperazione a lungo termine tra i paesi delle due regioni. A questo proposito, proseguono i lavori con i partner per l’adozione di una risoluzione speciale dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite sul rafforzamento dell’interconnessione dell’Asia Centrale e Meridionale. Si stanno risolvendo i problemi della promozione della cooperazione interregionale nei settori commerciale, economico, dei trasporti, culturale, umanitario e altro.

 

In una parola, il programma di misure per promuovere la cooperazione con l’Asia Meridionale presentato dal presidente dell’Uzbekistan è progettato per una prospettiva a lungo termine. Il transito in corso del potere in Afghanistan pone compiti urgenti per questo paese, la regione e le altre parti coinvolte per stabilizzare e risolvere politicamente i restanti problemi.

 

Domanda: Il 17 settembre di quest’anno si è tenuta in Tagikistan una riunione del Consiglio dei capi di Stato dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai (OCS). A seguito del vertice, l’Uzbekistan ha assunto la presidenza di questa autorevole organizzazione. Tale missione impone una responsabilità speciale all’Uzbekistan e allo stesso tempo gli consente di raggiungere determinati obiettivi. Quali obiettivi si prefigge Tashkent quando ospiterà il prossimo vertice OCS nel 2022?

 

         Risposta: Nell’ultimo periodo, la OCS è diventata un soggetto importante della politica mondiale, ha preso il posto degno tra influenti strutture internazionali. Il partenariato regionale viene rafforzato sulla base dei principi dello “Spirito di Shanghai”. Il potenziale congiunto degli Stati membri dell’organizzazione sta crescendo nell’affrontare nuove sfide e minacce, e si sta espandendo la loro cooperazione economica, culturale e umanitaria.

 

Ora abbiamo assunto una missione onorevole e altamente responsabile nella OCS. Dopotutto, stiamo parlando della presidenza di un’organizzazione la cui area di responsabilità copre una vasta area – quasi il 60 percento del territorio dell’Eurasia dall’Artico all’Oceano Indiano, dalla cinese Lianyungang alla russa Kaliningrad – con una popolazione totale di quasi il 44 percento della popolazione mondiale.

Allo stesso tempo, l’Uzbekistan ha il proprio peso politico e una vasta esperienza per l’adempimento di tali compiti.

 

Nel 2022 sono previsti più di 80 eventi internazionali nella OCS sotto la presidenza dell’Uzbekistan. Per realizzare un compito così ambizioso, abbiamo sviluppato una “road map” speciale e un concetto per la nostra presidenza. Nel concetto abbiamo tenuto conto dell’esperienza della presidenza della OCS del nostro paese nel 2004, 2010 e 2016, nonché delle realtà attuali. Non c’è dubbio che tutti gli eventi sotto la presidenza dell’Uzbekistan nella OCS si terranno al più alto livello.

 

È impossibile rivelare tutti i punti all’ordine del giorno della nostra presidenza in un’unica intervista. Ma dirò una cosa molto importante. L’Uzbekistan, nell’ambito della partecipazione alle attività delle strutture internazionali, compresa la OCS,  promuove attivamente iniziative pratiche volte all’effettivo sviluppo della cooperazione reciprocamente vantaggiosa tra gli Stati partner e allo stesso tempo l’attuazione di importanti trasformazioni interne. Questi includono il progresso economico sostenibile, un aumento dell’afflusso di investimenti esteri e l’esportazione di beni e servizi nazionali, la modernizzazione delle infrastrutture di trasporto, nonché il miglioramento del quadro giuridico e dei meccanismi per proteggere i diritti dei connazionali all’estero.

 

In una parola, il prossimo vertice della OCS in Uzbekistan è una buona opportunità per promuovere gli interessi dello Stato e del popolo, raggiungere obiettivi per rafforzare ulteriormente il ruolo e l’importanza della nostra organizzazione, un’opportunità per realizzare appieno il suo potenziale in un modo nuovo.

 

         Domanda: Signor Ministro, in un contesto globale, vorrei toccare la controversa questione della rivalità degli stati non regionali in Asia Centrale supposta da molti scienziati politici. Condivide l’opinione che la competizione geopolitica delle potenze mondiali continui e addirittura si intensifichi nella regione? In caso affermativo, come può questo influenzare gli interessi e le politiche dell’Uzbekistan e di altri stati della regione?

 

Risposta: Essendo realista, si deve ammettere che la rivalità delle potenze dominanti continua su scala globale e la loro competizione geopolitica sta assumendo forme distinte e talvolta piuttosto dure. Naturalmente, le conseguenze del confronto latente e talvolta intransigente tra i singoli “attori” globali si stanno facendo sentire in diverse regioni del mondo, compresa l’Asia Centrale.

 

Inoltre, la nostra regione è stata storicamente, e per una serie di circostanze ben note, e rimane un luogo di attrazione per interessi geopolitici e rivendicazioni non dichiarate di grandi stati.

E questo in teoria potrebbe servire come motivo per la crescita della tensione nella regione se i paesi dell’Asia Centrale non adotteranno le misure necessarie per rafforzare ulteriormente la loro sovranità e indipendenza statale, garantire la stabilità e la sicurezza regionali, nonché creare un positivo atmosfera dentro e intorno alla regione.

 

I grandi Stati coinvolti nei processi in Asia Centrale hanno interessi sia comuni che divergenti. Tuttavia, per quanto diversi siano questi interessi, sono dettati dalla storia, dalla geografia e dalle tendenze globali. È evidente che lo scontro conflittuale delle aspirazioni di tali Stati non va incontro agli interessi dei paesi della regione, poiché li pone di fronte a una cosiddetta scelta geopolitica. E la scelta di una parte può causare tensioni nei rapporti con l’altra.

 

Qualsiasi Stato sovrano desidera perseguire la propria linea nell’arena internazionale senza badare alle forze esterne, realizzare la cooperazione internazionale, non sottoponendo la propria volontà a pressioni di terzi. Ma nel moderno sistema delle relazioni internazionali non sono escluse situazioni legate ad interessi asimmetrici.

 

La nostra politica estera mira a prevenire tali situazioni, a prevenire la violazione degli interessi nazionali, a garantire relazioni paritarie e reciprocamente vantaggiose con tutti coloro che sono interessati alla partnership.

 

I mezzi per raggiungere questi obiettivi includono un sistema equilibrato di partenariati strategici con gli stati confinanti e lontani all’estero, una instaurazione di relazioni costruttive e di buon vicinato con gli stati limitrofi, un sistema stabile di sicurezza regionale che aiuta a mitigare l’impatto di bruschi cambiamenti su una scala più ampia. Ad esempio, le riunioni consultive dei capi di Stato dell’Asia Centrale svolgono un ruolo importante in questo contesto.

 

Non vogliamo che la concorrenza dei grandi Stati del mondo porti a conseguenze indesiderabili per la nostra regione. Dopotutto, se diamo uno sguardo retrospettivo alle origini del conflitto afghano, inizialmente è stato causato dal confronto globale tra i due sistemi politici mondiali durante l’era della Guerra Fredda.

 

Non dobbiamo essere costretti a scegliere l’una o l’altra posizione solo a favore di certe forze esterne. La nostra politica e la scelta delle posizioni su specifiche questioni internazionali sono determinate principalmente sulla base dei nostri interessi nazionali, nonché della necessità di garantire la sicurezza e lo sviluppo della regione.

 

L’Uzbekistan è interessato al fatto che l’Asia Centrale non sia una regione di rivalità tra potenze globali e regionali o un’arena per un gioco a somma zero, ma uno spazio per la loro interazione costruttiva e creativa. Continueremo a sostenere un dialogo paritario e reciprocamente vantaggioso che fornirà prospettive reali a tutti i partecipanti, in cui ciascuna parte dovrebbe trarre vantaggio.

 

Un’alternativa ragionevole alla rivalità antagonista è la concorrenza leale e aperta.

 

Domanda: Cogliendo questa opportunità, vorrei conoscere la Sua opinione su un termine così di moda nel mondo moderno come “politica estera multivettoriale”. A volte ci sono valutazioni critiche in relazione a tale politica, che presumibilmente crea instabilità nelle relazioni internazionali e persino alcuni rischi. Qual è il Suo punto di vista?

 

Risposta: A mio parere, non è del tutto ragionevole inserire alcuni contenuti negativi nel concetto di multivettore. Nel mondo interconnesso e interdipendente di oggi, è difficile trovare un paese che non voglia perseguire un’efficace politica multivettore. Il concetto stesso di un mondo multipolare, al quale tutti aspirano, presuppone una cooperazione internazionale multivettoriale per tutti.

 

L’insieme dei principi e delle priorità di base della politica estera dell’Uzbekistan mira a garantire la sovranità e la libertà di azione nell’arena internazionale. La chiave è il principio di un sistema multicomponente di partnership strategica con tutti i principali attori della politica mondiale, che consente di sviluppare la cooperazione con diversi partner importanti contemporaneamente, promuovere gli interessi nazionali e senza perdere l’indipendenza.

 

Come mostrano i risultati, questo principio si è pienamente giustificato nella pratica ed è rilevante nella fase attuale.

 

Ad oggi, l’Uzbekistan ha stabilito un insieme equilibrato di relazioni con i principali stati del mondo, i paesi della regione e le organizzazioni internazionali, mantenendo l’equilibrio geopolitico e garantendo la diversificazione dei legami commerciali ed economici.

 

Attualmente, manteniamo relazioni paritarie con più di 135 stati del mondo, intratteniamo relazioni commerciali ed economiche reciprocamente vantaggiose con più di 120 paesi e abbiamo un’ottima presenza diplomatica all’estero sotto forma di 55 ambasciate, uffici consolari e missioni permanenti presso organizzazioni internazionali.

 

Nello sviluppo delle nostre relazioni con ogni stato e ogni organizzazione internazionale, ci sono compiti pragmatici chiari e profondamente ponderati che corrispondono ai nostri interessi statali.

 

L’Uzbekistan persegue una politica pacifica e, come ho già fatto notare, non partecipa a blocchi politico-militari. Costruiamo una cooperazione paritaria con i partner della politica estera sulla base di norme e principi internazionali generalmente riconosciuti di rispetto della sovranità, non ingerenza negli affari interni degli Stati, risoluzione pacifica delle controversie, non uso della forza e considerazione reciproca degli interessi.

 

Questo approccio contribuisce allo sviluppo attivo e all’uso di meccanismi di cooperazione bilaterale e multilaterale per garantire le condizioni esterne più favorevoli per l’ulteriore continuazione di riforme su larga scala, l’attrazione di investimenti e tecnologie straniere, nonché la formazione di un sistema multivariato di corridoi di trasporto e comunicazione per fornire un’entrata affidabile e stabile dell’Uzbekistan nei grandi mercati mondiali.

 

Va notato che a causa di circostanze diverse, gli stati hanno diverse opportunità di sviluppare il principio multivettore nella loro politica estera.

 

È giunto il momento per una ricerca scientifica approfondita sull’applicazione di un modello pragmatico multivettore nella politica estera dell’Uzbekistan, poiché la nostra pratica in questo senso ha le sue caratteristiche. La supremazia degli interessi nazionali è una componente chiave del modello uzbeko della politica multivettoriale.

 

Un’altra caratteristica è che, nella nostra comprensione, il termine multivettore di principio ha un significato positivo e costruttivo. Non procediamo dall’equidistanza da diversi grandi partner, ma applichiamo il principio di pari prossimità. L’Uzbekistan persegue una politica proattiva e allo stesso tempo flessibile, anche nei confronti dei partner internazionali, coinvolgendoli nella promozione e nell’attuazione delle nostre iniziative.

 

– Grazie, signor Ministro, per averci concesso del tempo. La ringraziamo per le significative risposte alle domande, dove ha evidenziato in dettaglio la nuova politica estera dell’Uzbekistan e analizzato in profondità gli aspetti dell’attuale situazione geopolitica nella regione dell’Asia Centrale e nel mondo nel suo insieme.

compra mi piace facebook, follower instagram, follower tik tok, ed  aumenta la tua visibilità del 300% in soli 2 giorni

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here