Settore carburanti ed energia dell’Uzbekistan: nuovo vettore di sviluppo.

0
441

L’industria del carburante e dell’energia dell’Uzbekistan occupa una delle posizioni chiave nello sviluppo del paese e svolge il ruolo di un’infrastruttura di base che garantisce sia l’indipendenza energetica che le riforme nell’economia e nella società.

Negli ultimi cinque anni, sotto la guida del presidente dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev, lo sviluppo del settore ha raggiunto un nuovo livello nel riequipaggiamento tecnico, attirando investimenti e rafforzando la cooperazione commerciale internazionale. Uno dei vantaggi della riforma del settore è la politica mirata perseguita nel paese con l’accento sui moderni metodi di organizzazione della produzione, del trasporto, della distribuzione e della vendita delle risorse energetiche. In particolare, nel 2019, è stata costituita una nuova struttura organizzativa del complesso combustibili ed energetici, sono stati ridotti i collegamenti intermedi nel sistema di gestione del settore.

In accordo con la migliore esperienza estera, la società a tre livelli integrata verticalmente – JSC “Uzbekneftegaz” è stata ristrutturata. Una struttura come JSC “Uztransgaz” è stata ritirata dalla sua struttura di operatore unico per l’acquisto di gas naturale, il suo ulteriore trasporto e vendita ai consumatori collegati ai principali gasdotti. Una caratteristica delle innovazioni nel complesso del carburante e dell’energia è stata la creazione di JSC “Khududgaztaminot”, che testimonia l’attenzione dello stato agli interessi delle persone e la preoccupazione per il benessere sociale dei cittadini. Le funzioni dell’azienda sono gestire reti di distribuzione del gas e fornire gas naturale e liquefatto ai 35 milioni di abitanti dell’Uzbekistan e strutture sociali.

 

Le trasformazioni su larga scala nel complesso dei combustibili e dell’energia del paese e una chiara distribuzione dei compiti di ciascuna struttura hanno permesso di utilizzare le migliori esperienze e tecnologie straniere che contribuiscono a risolvere problemi globali come il risparmio energetico, la digitalizzazione della sfera, e il mantenimento dell’equilibrio ecologico. Dopotutto, è risaputo che la combustione di gas naturale senza riguardo alle conseguenze è una delle ragioni del cambiamento climatico e dell’aumento delle emissioni di gas serra nell’atmosfera. Seguendo le tendenze globali, l’Uzbekistan, nella lotta contro questi fenomeni, sta attivamente introducendo nella pratica strumenti di misura con una classe di accuratezza superiore, prevenendo così la perdita di gas naturale, facendo cambiare idea alle persone per risparmiare risorse naturali. Un esempio esemplificativo è lo sviluppo della cooperazione con le principali compagnie petrolifere e del gas italiane. Attualmente è in corso di attuazione con successo in Uzbekistan un progetto per la produzione di una nuova generazione di strumenti di misura intelligenti basati su tecnologia italiana. Così, nel 2020, uno dei leader mondiali nella progettazione e produzione di componenti e sistemi per la regolazione, la misura e il trattamento del gas naturale – “Pietro Fiorentini SPA”, ha firmato in Uzbekistan un accordo per la produzione di contatori intelligenti del gas di nuova generazione utilizzando tecnologia italiana.

In breve tempo, sulla base della “Technopark LLC” di Tashkent, è stato costruito un impianto per la produzione di contatori “intelligenti”, con una capacità di oltre 3 milioni di unità all’anno. L’alta qualità e il prezzo ottimale per il prodotto finale hanno permesso a questa impresa di vincere l’appalto di JSC “Khududgaztaminot” per la fornitura di dispositivi di misurazione nell’ambito del progetto “Sistema di controllo automatico della misurazione del gas”.

Il punto di partenza di una cooperazione di successo può essere giustamente chiamato il 12 maggio 2020, quando è stato installato un contatore “intelligente” per il primo consumatore di gas naturale in Uzbekistan. Va chiarito che nella pratica internazionale è stata accumulata una vasta esperienza nell’implementazione di sistemi che riducono al minimo la partecipazione umana nella misurazione, raccolta ed elaborazione dei dati. Allo stesso tempo, viene fornita una contabilità affidabile, accurata e operativa, sia dal lato del fornitore di energia che dal lato del consumatore.

Una caratteristica distintiva dell’Uzbekistan è l’implementazione del progetto “Sistema di controllo automatizzato della misurazione del gas” in tutto il paese, ovvero con la connessione di 3,5 milioni di abbonati in tempi record. L’integrazione delle soluzioni digitali nel sistema di approvvigionamento del gas ha già raggiunto un livello in cui è possibile monitorare chiaramente l’effetto economico della loro implementazione. Innanzitutto, l’attuazione del progetto ha permesso di sostituire i contatori del gas obsoleti presso i consumatori con contatori di nuova generazione che soddisfano gli standard di qualità internazionali. Grazie alle loro moderne caratteristiche tecniche e capacità, il controllo sul dosaggio del “carburante blu” è stato trasferito in tempo reale. Oggi, JSC “Khududgaztaminot” riceve informazioni in tempo reale sul consumo di carburante per ogni specifico destinatario e ha un quadro completo del volume del suo utilizzo nel paese nel suo insieme.

Ciò, a sua volta, ha consentito di migliorare la qualità dei servizi e garantire la sicurezza degli approvvigionamenti di gas naturale al consumatore finale. Grazie alla formazione di una contabilità affidabile, è stato possibile stabilire una distribuzione competente del carburante basata sulla stagionalità, sui bisogni dell’economia e della popolazione.

Un esempio illustrativo è la regione di Tashkent della Repubblica dell’Uzbekistan. Fu con lei che iniziò la prima fase dell’implementazione del sistema di controllo della misurazione del gas. Nella regione sono stati installati 633.370 contatori intelligenti del gas. Come mostra l’analisi, nel primo e nel secondo trimestre del 2021, durante questo periodo è stato risparmiato il 9,2% del gas naturale dalle forniture di carburante pianificate. Un altro problema difficile è stato rimosso dall’agenda dei dipendenti delle organizzazioni di fornitura di gas: la politica di accordi reciproci per il consumo di gas naturale. Allo stato attuale, a causa del passaggio a un sistema di pagamento anticipato, è stata formata una disciplina finanziaria.

Ora i consumatori stessi sono interessati all’installazione di apparecchiature a risparmio energetico che consentono di risparmiare carburante e denaro. L’analisi del volume del consumo di gas naturale nella regione di Tashkent mostra un aumento dei flussi di cassa di due volte rispetto allo stesso periodo dello scorso anno.

I risultati dell’attuazione dell’ASCMG sono tangibili nell’attuazione della transizione dell’Uzbekistan verso una “economia verde”. Su iniziativa del presidente Shavkat Mirziyoyev è stata approvata la corrispondente Strategia per il periodo 2019-2030, che prevede l’aumento dell’efficienza energetica, la riduzione delle emissioni nocive nell’atmosfera, l’aumento del flusso di investimenti e tecnologie “verdi”. In questo contesto può essere indicata l’importanza del sistema ASCMG nella conservazione dell’ambiente. In particolare, l’installazione diffusa di contatori “intelligenti” nell’ultimo anno ha ridotto la perdita di carburante “blu”, oltre a ridurre la quantità di emissioni nocive in atmosfera riducendo la combustione del carburante in casa di 7,3 milioni di metri cubi . E questo è solo sull’esempio di una regione di Tashkent.

Anche l’attuazione del progetto di automazione del controllo della misurazione del gas è diventata parte integrante della Strategia “Digital Uzbekistan-2030”. È interessante notare che nell’ambito del progetto ASCMG, i partner italiani hanno fornito il software necessario che consente il controllo remoto dei dispositivi e la contabilità automatica.

Il proprietario del software è la famosa azienda italiana “TERRANOVA S.R.I.” Un altro importante risultato di una fruttuosa cooperazione è lo sviluppo e il lancio di un nuovo sistema automatizzato ” ASCMG Billing”, che accumula tutti i consumatori di gas naturale in Uzbekistan e garantisce accuratezza e trasparenza negli accordi reciproci. Oggi, nella fase di preparazione del 60 per cento del progetto e valutandone l’alto rendimento, è stato raggiunto un accordo tra JSC “Khududgaztaminot”, l’agenzia statale italiana per il credito all’esportazione “SACE” e la banca “Intesa San Paolo” sull’assegnazione dell’importo residuo dal suo costo totale. Tale relazione tra le parti e l’efficacia del progetto parla di alta fiducia, rispetto reciproco e desiderio di portarlo alla sua logica conclusione. E questo processo è ora in una fase attiva, avendo ricevuto un nuovo vettore di sviluppo.

La seconda fase della collaborazione tra la società italiana “Pietro Fiorentini S.P.A” e “Khududgaztaminot” JSC riguarda la digitalizzazione dell’infrastruttura della rete del gas. Tra gli scopi e gli obiettivi primari vi sono il miglioramento della qualità del servizio al cliente e la garanzia della continuità delle forniture di gas indipendentemente dalle condizioni climatiche, che, di fatto, sono i punti principali per soddisfare al massimo i bisogni della popolazione. Un altro progetto congiunto mira a migliorare il sistema di approvvigionamento del gas ed eliminare le interruzioni di pressione nelle reti interne dell’Uzbekistan. Come apparirà in pratica è dimostrato dall’esperienza di introduzione di moderni punti di controllo del gas nel distretto di Shaykhantaur a Tashkent insieme a “Pietro Fiorentini S.P.A.” Quest’area è stata selezionata tenendo conto delle variazioni stagionali di temperatura e dei relativi problemi tecnici dovuti alla densità della popolazione e al numero di costruzioni di abitazioni private.

Risultati positivi includono il monitoraggio della stabilità della fornitura di gas naturale ai residenti della capitale, l’eliminazione delle perdite di carico e la capacità di regolare il flusso di carburante online. Sulla base dei risultati delle innovazioni, è prevista l’installazione di moderne fratture idrauliche in altre regioni di Tashkent.

Riassumendo, possiamo dire che le trasformazioni nel sistema di approvvigionamento di gas dell’Uzbekistan sono solo un anello della catena di riforme su larga scala nel complesso di combustibili ed energia del paese. E mostrano chiaramente che il benessere di ogni cittadino del paese è in prima linea nella politica statale perseguita nel paese.

Advertisements
Pclove.it vendita on line di notebook, computer, pc all in one, laptop, pc nuovi on box ed usati grade A

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here